Sorpreso a spiare uno studente, l’FBI chiede indietro il localizzatore GPS

Uno studente californiano ha ricevuto una visita dall’FBI questa settimana dopo aver trovato un dispositivo di localizzazione GPS segreto sulla sua auto e un amico ne ha pubblicato le foto online. Il post ha suscitato ampie speculazioni sul fatto che il dispositivo fosse reale, se il giovane arabo-americano fosse preso di mira in un’indagine sul terrorismo e cosa avrebbero fatto le autorità.

Ci sono volute solo 48 ore per scoprirlo: il dispositivo era reale, lo studente veniva rintracciato segretamente e l’FBI voleva indietro il suo costoso dispositivo, ha detto lo studente a Wired.com in un’intervista mercoledì.

La risposta è arrivata quando una mezza dozzina di agenti e agenti di polizia dell’FBI si sono presentati martedì al complesso di appartamenti di Yasir Afifi a Santa Clara, in California, chiedendogli di restituire il dispositivo.

Afifi, un cittadino di 20 anni nato negli Stati Uniti, ha collaborato volentieri e ha detto di non aver fatto nulla per meritare l’attenzione delle autorità. I commenti degli agenti durante la loro visita suggerivano che fosse stato sotto sorveglianza dell’FBI da tre a sei mesi.

Un portavoce dell’FBI non ha riconosciuto che il dispositivo apparteneva all’agenzia o che gli agenti sono apparsi a casa di Afifi.

“Non posso davvero dirti molto al riguardo, perché è ancora un’indagine in corso”, ha detto il portavoce Pete Lee, che lavora nella sede dell’agenzia a San Francisco.

Afifi, figlio di un leader della comunità islamico-americana morto un anno fa in Egitto, è una delle poche persone note per aver trovato un dispositivo di localizzazione del governo sul proprio veicolo.

La sua scoperta arriva sulla scia di una recente sentenza della 9a Corte d’Appello del Circuito degli Stati Uniti che afferma che è legale per le forze dell’ordine posizionare segretamente un dispositivo di localizzazione sull’auto di un sospetto senza ottenere un mandato, anche se l’auto è parcheggiata in un vialetto privato.

Brian Alseth dell’American Civil Liberties Union nello stato di Washington ha contattato Afifi dopo aver visto le immagini del dispositivo di localizzazione pubblicate online e gli ha detto che l’ACLU stava aspettando un caso come questo per contestare la sentenza.

“Questo è il genere di cose a cui ci piace lanciare gli avvocati”, ha detto Afifi che Alseth gli ha detto.

“Sembra molto spaventoso che l’FBI abbia posizionato un dispositivo di tracciamento di sorveglianza sull’auto di un cittadino americano di 20 anni che non ha fatto altro che essere per metà egiziano”, ha detto Alseth a Wired.com.

Afifi, uno studente di marketing aziendale al Mission College di Santa Clara, ha scoperto il dispositivo domenica scorsa quando ha portato la sua auto in un garage locale per un cambio dell’olio. Quando un meccanico dell’Ali’s Auto Care ha sollevato la sua Ford Lincoln LS su sollevatori idraulici, Afifi ha visto un filo sporgere vicino alla ruota posteriore destra e allo scarico.

Il proprietario del garage Mazher Khan ha confermato per Wired.com di averlo visto anche lui. Un esame più attento ha mostrato che era collegato a un pacco batteria e un trasmettitore, che erano attaccati all’auto con un magnete. Khan ha chiesto ad Afifi se voleva che il dispositivo fosse rimosso e quando Afifi ha detto di sì, Khan lo ha estratto facilmente dal telaio dell’auto.

“Non me ne sarei accorto se non ci fosse un filo che sporge”, ha detto Afifi.

Più tardi quel giorno, un amico di Afifi di nome Khaled ha pubblicato le foto del dispositivo su Reddit, chiedendo se qualcuno sapesse cosa fosse e se significasse che l’FBI “ci sta cercando”. (Reddit è di proprietà di CondeNast Digital, che possiede anche Wired.com).

“Il mio piano era semplicemente mettere il dispositivo su un’altra macchina o in un lago”, ha scritto Khaled, “ma quando torni a casa da 2 persone sballate che sentono cose nel dispositivo e sono convinte che sia una bomba, tu devo essere sicuro.

Un lettore lo ha rapidamente identificato come un dispositivo di tracciamento Orion Guardian ST820 prodotto da un’azienda di elettronica chiamata Cobham, che vende il dispositivo solo alle forze dell’ordine.

Nessuno era disponibile a Cobham per rispondere alle domande di Wired.com, ma un ex agente dell’FBI che ha guardato le immagini ha confermato che si trattava di un dispositivo di localizzazione.

L’ex agente, che ha chiesto di non essere nominato, ha affermato che il dispositivo era un vecchio modello di apparecchiatura di tracciamento che era stato da tempo sostituito da dispositivi che non richiedono batterie. Le batterie muoiono e devono essere sostituite se la sorveglianza è in corso, quindi i dispositivi più recenti vengono posizionati nel vano motore e cablati alla batteria dell’auto in modo che non si esauriscano. Era sorpreso che questo fosse così facile da trovare.

“Deve essere in grado di essere rimosso ma anche rimanere al suo posto e non essere visto”, ha detto. “C’è sempre la possibilità che l’auto finisca in una carrozzeria o in un meccanico, quindi deve essere nascosta bene. È molto raro che i ragazzi le trovino”.

Ha detto di essere certo che gli agenti che l’hanno installato avrebbero ottenuto un mandato di 30 giorni per il suo utilizzo.

Afifi ha pensato di vendere il dispositivo su Craigslist prima che arrivasse l’FBI. Era nel suo appartamento martedì pomeriggio quando un coinquilino gli ha detto che “due persone dall’aspetto subdolo” erano vicino alla sua macchina. Afifi, già uscito per un appuntamento, ha incontrato un uomo e una donna che guardavano il suo veicolo all’esterno. L’uomo ha chiesto se Afifi sapeva che il suo tag di registrazione era scaduto. Quando Afifi ha chiesto se gli dava fastidio, l’uomo si è limitato a sorridere. Afifi è salito in macchina e si è diretto verso l’uscita del parcheggio quando due SUV si sono fermati con le luci lampeggianti che trasportavano quattro agenti di polizia con giubbotti antiproiettile.

L’agente che inizialmente ha parlato con Afifi si è poi identificato come Vincent e ha detto ad Afifi: “Siamo qui per recuperare il dispositivo che hai trovato sul tuo veicolo. È proprietà federale. È un pezzo costoso e ne abbiamo bisogno in questo momento.

Afifi ha chiesto: “Siete voi i ragazzi che l’hanno messo lì?” e l’agente ha risposto: “Sì, l’ho messo lì”. Ha detto ad Afifi: “Ti renderemo le cose molto più difficili se non collabori”.

Afifi ha recuperato il dispositivo dal suo appartamento e glielo ha consegnato, a quel punto gli agenti hanno posto una serie di domande: conosceva qualcuno che si era recato nello Yemen o era affiliato a corsi di formazione all’estero? Uno degli agenti ha prodotto una stampa di un post sul blog che l’amico di Afifi, Khaled, avrebbe scritto un paio di mesi fa. Aveva “qualcosa a che fare con un centro commerciale o una bomba”, ha detto Afifi. Non l’aveva mai visto prima e non conosce i dettagli di ciò che diceva. Trovava difficile credere che Khaled intendesse qualcosa di minaccioso con la posta.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *